Il cioccolato fa ingrassare? Quanto se ne può mangiare al giorno?

Sapevi che il cioccolato apporta molteplici benefici per l’organismo?
Scopriamoli insieme in questo articolo e rispondiamo alla domanda più gettonata di sempre: il cioccolato fa ingrassare?

COSA DICE LA RICERCA SCIENTIFICA

Uno studio dell’Università di Granada pubblicato sull’ultimo numero della rivista scientifica specializzata in nutrizione, ha ribaltato la vecchia convinzione che il cioccolato faccia ingrassare. Secondo la ricerca, un elevato consumo di cioccolato è associato a livelli inferiori di grasso accumulato in tutto il corpo, indipendentemente dalla dieta che si segue e dalla quantità di esercizio fisico che si fa.
Per arrivare a questa conclusione, gli scienziati hanno analizzato il comportamento di quasi 1.500 adolescenti tra i 12 ei 17 anni riguardo al consumo di cioccolato e hanno incrociato i dati con il loro indice di massa corporea, la percentuale di grasso corporeo e la circonferenza della vita. I risultati ottenuti erano indipendenti dal sesso, dalla maturità sessuale, dal consumo di tè o caffè, dall’età e persino dall’attività fisica dei partecipanti, come hanno potuto verificare gli scienziati.

Il rapporto contempla varie misurazioni del corpo, una misura oggettiva dell’attività fisica, una registrazione dietetica dettagliata utilizzando 2 promemoria non consecutivi di 24 ore con un programma per computer basato su immagini e controlli per il possibile effetto confondente di una serie di variabili chiave. L’Università di Granada indica quindi che lo studio è forse il più ampio e meglio controllato fino ad oggi svolto, oltre ad essere il primo condotto sulla popolazione adolescente.
Per i ricercatori, in quantità moderate, il cioccolato può essere un buon alleato, come ha dimostrato lo studio, anche se un consumo eccessivo è indubbiamente dannoso. Inoltre, recenti studi condotti su adulti suggeriscono che il suo consumo è associato a un minor rischio di disturbi cardiometabolici. Il cioccolato, infatti, è un ottimo antiossidante, antitrombotico e antinfiammatorio, ha effetti antiipertensivi e può aiutare a prevenire la cardiopatia ischemica.

DA COSA E’ COMPOSTO IL CIOCCOLATO

Le principali sostanze che compongono il cioccolato sono grassi e zuccheri (per questo si consiglia un consumo moderato e occasionale) ma fornisce anche minerali come magnesio, ferro, fosforo e potassio, oltre al calcio. Contiene inoltre flavonoidi ad azione antiossidante, in particolare catechine.
Il cioccolato è ottenuto dalla miscela di pasta di cacao (sostanza solida) e burro di cacao, entrambi derivanti dai semi di cacao e zucchero. Da questi prodotti, utilizzati in misura maggiore o minore, e incorporandone altri come il latte, noci o frutta naturale, vengono realizzati diversi tipi di cioccolato.

IL CIOCCOLATO FA INGRASSARE?

Il cioccolato puro può essere consumato con moderazione perché non fa ingrassare. Finché ti controlli, puoi includerlo nella tua dieta, ma devi essere consapevole che, come per altri alimenti ricchi di grassi e zuccheri, un consumo inappropriato di cioccolato significherà un aumento dei chili. Altrettanto importante quanto non abusare del cioccolato è combinarlo con cibi ricchi di fibre. Frutta e verdura, cereali o legumi, compenseranno i grassi. La fibra si occuperà di ostacolare lo zucchero.
Il momento migliore per mangiare il cioccolato è la mattina o durante il pranzo, in modo che il nostro corpo abbia il tempo di bruciare tutte le energie che ci fornisce.
Secondo i nutrizionisti e gli esperti dell’alimentazione, consumare 20 grammi al giorno di cioccolato, meglio se fondente, non solo non compromette la linea rendendo la dieta più dolce, ma migliora decisamente anche l’umore evitando di cadere in tante altre piccole tentazioni.

COME CONSUMARE IL CIOCCOLATO SENZA INGRASSARE

Appurato che il cioccolato da solo non fa ingrassare, scopriamo come assaporare uno dei grandi piaceri della vita, sempre in modo moderato, per poter godere di tutti i benefici di questa delizia senza rimpianti.

1. Mangiare cioccolato puro, vale a dire sopra il 70%.
I cioccolatini sopra questa purezza hanno molti meno conservanti di quelli con una percentuale minore, risparmiandoci alcuni ingredienti che non sono esattamente benefici per la nostra salute. Con 20 grammi di cioccolato puro al giorno la serotonina o l’ormone della felicità avranno i loro benefici effetti.

2. Evitare di considerare il cioccolato come un premio.
Forse premiare i bambini con un dolce come il cioccolato andrà bene, ma non è un modello molto salutare; e una volta che siamo cresciuti dobbiamo evitarlo a tutti i costi, così come è importante bandire il cioccolato dalla lista nera del cibo. Gli eccessi non sono mai buoni.

3. Perdere la paura
Molte volte prepariamo ricette con il cioccolato e lo mangiamo con paura, ma non dobbiamo mai aver timore di nessun cibo. Come abbiamo visto, il suo consumo non deve avere un impatto negativo sulla nostra salute, anzi, possiamo trarne vantaggio.

4. Scartare il cioccolato bianco
Se ancora il cioccolato fondente puro, superiore al 70%, non vi convince e siete più per cioccolatini con meno purezza, come i cosiddetti cioccolatini al latte, sappiate che ingerirete più grassi di quanto consigliato.

5. Fare attenzione ai cioccolatini leggeri o senza zucchero
È vero che hanno meno calorie del cioccolato convenzionale, ma il fatto di essere a basso contenuto di zucchero non significa che siano a basso contenuto di calorie. Naturalmente, poiché non contengono zuccheri, sono più consigliati per le persone che soffrono di obesità o diabete.