Come coprire un succhiotto: ecco quali sono i metodi migliori

È capitato sicuramente a tutti, e non solo quando si è ragazzini, di ritrovarsi, dopo un momento di intimità trascorso con il proprio partner, uno o più segni simili a dei piccoli ematomi su vari punti del corpo e in modo particolare sul collo.

Si tratta di quelli che tutti siamo abituati a chiamare succhiotti e, ovviamente, non è nulla di grave dal punto di vista medico, ma, se da un lato può suscitare qualche sorrisino e battutina tra parenti e amici, dall’altro lato avere un piccolo o grande succhiotto ben in vista sul collo può anche metterci in imbarazzo, soprattutto se dobbiamo affrontare un’importante riunione di lavoro e non possiamo rimediare semplicemente indossando un dolcevita perché si è nel pieno dei mesi estivi. Quindi, niente panico perché ci sono alcune soluzioni semplici ed efficaci che, messe in pratica con costanza, possono aiutarci ad attenuare quell’antiestetico piccolo livido che può metterci tanto in imbarazzo. Vediamo di elencarne qualcuna:

  • Cubetti di ghiaccio: Uno dei primi ed efficaci rimedi per lenire il gonfiore e l’eventuale dolore provocato da un succhiotto appena ricevuto è quello di utilizzare qualche cubetto di ghiaccio – ovviamente, va bene anche un cuscinetto di raffreddamento – avvolto all’interno di un panno di cotone ben pulito per evitare altri tipi di irritazioni alla pelle e lasciato agire sulla parte interessata almeno per una ventina di minuti. Il freddo emanato dal ghiaccio ridurrà il gonfiore ed eviterà all’ematoma di estendersi.
  • Cucchiaino freddo: In pratica svolge la stessa funzione del ghiaccio, ma è necessario metterlo prima in freezer per farlo raffreddare per bene e solo dopo questo passaggio bisogna utilizzarlo per massaggiare delicatamente la zona interessata dal succhiotto per almeno una ventina di minuti e più volte al giorno.
  • Panno caldo: Se il freddo fa un ottimo lavoro in caso di piccoli ematomi come quelli provocati da un succhiotto, anche il caldo compie egregiamente il suo lavoro visto che riesce a migliorare la circolazione sanguigna in quella zona e ad accelerarne la decongestione. Quindi, basterà prendere un panno pulito e, dopo averlo bagnato e strizzato sotto l’acqua calda, fare degli impacchi sulla zona evitando di superare i venti minuti di posa. Questa soluzione è molto valida quando il gonfiore è sparito ma il livido è ancora ben visibile.
  • Crema Lenitiva: Sicuramente tutti abbiamo in casa una crema che utilizziamo quando ci capita un infortunio sportivo o un gel infiammatorio che ha la stessa funzione. Ecco, questo tipo di creme o gel contengono l’eparina, un anticoagulante che impedisce all’ematoma di diventare compatto e scuro permettendo alla macchia di ritirarsi più rapidamente. Può essere usata più volte al giorno e bisogna massaggiarla delicatamente fino al suo completo assorbimento.
  • Aloe Vera: Le proprietà idratanti e antinfiammatorie dell’aloe vera sono universalmente riconosciute e, anche in questo caso, possono essere un vero toccasana. Per attenuare il livido del succhiotto basterà stendere uno strato abbastanza spesso di aloe vera – facilmente reperibile sia in farmacia che in erboristeria, ma anche all’interno di supermercati ben forniti – sulla zona da trattare e lasciare in posa almeno una decina di minuti. Dopodiché è possibile rimuovere il tutto con un panno morbido imbevuto di acqua tiepida ed è necessario ripetere l’operazione almeno un paio di volte al giorno fino a quando il succhiotto non sarà sparito.
  • Spazzolino: Mentre per quanto riguarda l’uso del dentifricio – proprio come succede quando lo si utilizza per i brufoli – i pareri sono molto discordanti, sono invece in molti coloro che consigliano di utilizzare uno spazzolino dalle setole morbide per massaggiare molto delicatamente la zona in cui si trova il succhiotto e riattivare la circolazione.
  • Make-up: Se si ha la necessità di coprire il succhiotto subito dopo la sua comparsa e non si ha tempo di servirsi di una delle suddette soluzioni che richiedono, comunque, un paio di giorni per ottenere risultati ben visibili, è possibile ricorrere al make-up servendosi di alcuni trucchetti ormai largamente usati sia da donne che da uomini. Innanzitutto, bisogna lavare e asciugare con cura la parte da trattare e, dopo aver steso un velo di crema idratante per evitare che si formino antiestetiche rughe di secchezza, è necessario applicare un correttore picchiettandolo con cura fino ad uniformarlo con il proprio incarnato. Se il colore del livido è ancora tendente al rossastro, si può utilizzare un correttore verde che, per contrasto, smorzerà il rossore, se invece tende al violaceo è necessario scegliere un correttore dalle tonalità aranciate. Dopodiché, si può stendere un velo di fondotinta che andrà fissato con un velo di cipria o con un altro prodotto fissante per evitare che possa spostarsi sporcando i vestiti e lasciando scoperta la zona in cui si trova il succhiotto.
  • Alimentazione: Molti sottovalutano questo aspetto, ma ci sono alcuni cibi che aiutano l’organismo a riassorbire con molta più facilità qualsiasi tipo di ematoma in quanto accelerano il processo di coagulazione, soprattutto la vitamina K che si trova negli spinaci, nei broccoli, nei cavoli o nel riso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *