Ricette iperproteiche: ecco alcune ricette da poter preparare

La dieta iperproteica è una tipologia di regime alimentare che può essere utile per aiutare a favorire la perdita del peso e che può avere possibili effetti benefici sulla salute. Se decidi di intraprendere questo percorso alimentare è bene che ti rivolga a un esperto nutrizionista, insieme al quale creare un piano alimentare personalizzato sulla base del tuo fabbisogno energetico.

Come sappiamo, le proteine rappresentano uno dei tre macronutrienti essenziali per la nostra salute, insieme ai grassi e ai carboidrati. Nel nostro organismo possono svolgere importanti funzioni e il fabbisogno può variare in base allo stile di vita e allo stato di salute della persona.

Tenendo conto dei numerosi possibili vantaggi che possono derivare da un consumo di una dieta ipercalorica, negli anni sono state realizzate diverse tipologie di diete a maggior apporto proteico. Scopriamo insieme quali sono e alcune ricette da preparare in casa.

Cos’è la dieta iperproteica?

La dieta iperproteica è chiamata così quando la maggior parte delle calorie quotidiane assunte derivano dalle proteine. Per potere mantenere in equilibrio il bilancio energetico, la quantità di proteine da consumare viene aumentata rispetto quella dei carboidrati e dei grassi. Questo meccanismo rappresenta uno dei principi sui quali si basano le differenze tra i vari tipi di diete iperproteiche.

Quali sono le principali diete iperproteiche?

Nel corso degli anni si sono evolute diverse tipologie di regimi alimentari iperproteici. In particolare possiamo trovare:

  • la dieta Plank: dura circa due settimane e si basa sul consumo di alimenti proteici come carne, pesce, uova a cui potere aggiungere le verdure come unica fonte di carboidrati. Il menu è molto severo, deve essere rispettato in ogni dettaglio e tutti gli alimenti sono suddivisi in tre pasti, tra colazione, pranzo e cena. La dieta non prevede spuntini e al termine delle due settimane non è prevista alcuna fase di mantenimento;
  • la dieta Dukan: che comprende quattro fasi, due fasi iniziali e due fasi di mantenimento. Si tratta di una dieta ricca di proteine in quanto la prima fase iniziale prevede il solo consumo di alimenti proteici, la seconda fase introduce alcune tipologie di verdure e nelle ultime due fasi di mantenimento vengono aggiunti poco per volta altri nutrienti come carboidrati e grassi;
  • la dieta a zona: prevede un apporto calorico giornaliero che provenga per il 40% dai carboidrati, per il 30% dalle proteine e per il 30% dai grassi. Il menu si basa sul consumo di alimenti con basso indice glicemico per evitare il rischio di innalzare la glicemia, tipico sbalzo provocato dai carboidrati;
  • la dieta chetogenica: è caratterizzata da un maggiore apporto di grassi che rappresenta circa il 70% delle calorie quotidiane, un medio apporto di proteine e un basso apporto di carboidrati.

Qualsiasi regime alimentare ipercalorico necessita di un consulto medico prima di essere intrapreso, per evitare nel lungo periodo che possano insorgere controindicazioni o carenze nutrizionali. Per questo motivo, i nutrizionisti e gli esperti consigliano di non cimentarsi in diete fai da te.

Ricette iperproteiche

Con l’aiuto di un esperto è possibile redigere un piano alimentare iperproteico in base alle necessità individuali. Vediamo quali ricette si possono preparare e consumare per colazione o nei pasti principali.

Per la colazione, a scelta tra:

  • 2 uova fritte, con due sottilette oppure in alternativa, una frittata;
  • fette di salmone affumicato ad involtini, con all’interno crema di formaggio;
  • uova strapazzate;
  • 200 ml di latte intero e un panino con bresaola;
  • uno yogurt intero e un panino con il prosciutto.

Per pranzo, a scelta tra:

  • mozzarella con spinaci;
  • insalata verde con formaggio a cubetti;
  • insalata di spinaci con uova e maionese;
  • merluzzo cotto a vapore con contorno di zucchine e mezza mela;
  • polpo cotto al vapore con contorno di melanzane e mezza pera.

Per cena, a scelta tra:

  • bistecca di tonno con contorno di verdure al vapore;
  • petto di pollo alla piastra con contorno di insalata e mezza mela;
  • petto di tacchino alla piastra con contorno di radicchio.

Per gli spuntini, a scelta tra:

  • noci o mandorle;
  • parmigiano reggiano tagliato a cubetti;
  • uovo sodo;
  • sedano con crema di formaggio.

Ricetta di pesce: Salmone al forno

Per preparare un gustoso salmone al forno ti occorrono:

  • due filetti di salmone;
  • due spicchi di aglio tritati;
  • sei cucchiai di olio;
  • un cucchiaio di basilico essiccato;
  • pepe nero e sale q.b.;
  • succo di limone;
  • un cucchiaino di prezzemolo tritato.

Prepara la marinatura mescolando gli spicchi di aglio tritati, aggiungendo i cucchiai di olio, il basilico essiccato, il pepe nero, il sale, il succo di limone e il prezzemolo tritato. Copri con la marinatura i filetti di salmone e lasciali marinare in frigorifero per almeno un’ora, mescolandoli di tanto in tanto. Disponi i filetti su un foglio di carta alluminio, coprili con la marinatura e lasciali cuocere per circa 40 minuti, in forno preriscaldato a 180°.

Ricetta di carne: Insalata di pollo

Per preparare un’insala di pollo occorrono:

  • 150g di pollo cotto alla piastra;
  • un gambo di sedano;
  • una cipolla;
  • due cucchiai di prezzemolo;
  • un uovo sodo;
  • mezzo cucchiaio di aneto;
  • una manciata di aglio tritato;
  • 30g di maionese;
  • un cucchiaio di senape;
  • sale e pepe q.b.;

Per preparare l’insalata di pollo sminuzza il gambo del sedano, la cipolla, il prezzemolo aiutandoti con un robot da cucina. Disponi il tutto all’interno di un’insalatiera da portata e mescola insieme all’uovo sodo pelato e spezzettato, il mezzo cucchiaio di aneto, l’aglio tritato, la maionese e la senape. Aggiungi il sale e il pepe. Cuoci il pollo alla piastra e taglialo in pezzi. Disponilo nella insalatiera aggiungendo il condimento che hai preparato prima. Aggiungi dell’insalata verde.